Primavera, tempo di diete lampo … ma è bene sapere che…

Con il bel tempo viene voglia di scoprirsi e in vista della famosa “prova costume” sono molti quelli che iniziano a seguire una dieta. Tra coloro che fanno da sé la cosa più comune che possa capitare è quella di rinunciare non solo a dolci e dolcetti ma anche a pane e pasta.

dieta-lampo-salute
dieta-lampo-salute

Sembra un approccio efficace perché, specie se si viene da un periodo in cui si è mangiato troppo, l’ago della bilancia comincia a scendere. In realtà strategie così drastiche andrebbero evitate.

zuccheri-semplici-aumento-di-peso
zuccheri-semplici-aumento-di-peso

I biochimici sanno bene che i grassi bruciano alla fiamma lenta dei carboidrati.

zuccheri-complessi-perdita-di-peso
zuccheri-complessi-perdita-di-peso

Infatti per poter utilizzare i grassi come fonte di energia c’è bisogno di ossalacetato, derivante a sua volta dalla demolizione degli amminoacidi acido aspartico e asparagina. Ma nelle diete con scarso apporto di carboidrati l’ossalacetato viene utilizzato per ricostituire il glucosio (processo noto come gluconeogenesi). In queste condizioni la demolizioni dei grassi non è completa e si producono i corpi chetonici. Tra questi l’acetone che essendo una sostanza volatile viene eliminata con il respiro.

E dal momento che scarseggia l’energia derivante dalla glicolisi e dalla demolizione degli acidi grassi sono i corpi chetonici a fungere da substrato energetico in grado di rifornire di energia tutti i tessuti, cervello compreso.

Ma in definitiva una dieta povera di carboidrati:

1)      comporta un’incompleta e meno efficiente demolizione del grasso corporeo;

2)      crea nell’organismo una condizione di maggiore acidità con conseguente aumento della ritenzione idrica;

3)      si associa ad un abbassamento del tono dell’umore a causa della scarsa presenza di triptofano, precursore della serotonina.

Il segreto come al solito sta nelle giuste proporzioni. Carboidrati, grassi e proteine, i cosiddetti macronutrienti, devono rappresentare rispettivamente il 55%, il 30% e il 15% dell’apporto calorico giornaliero.

Quindi niente diete lampo…. il risultato è così effimero che non ne vale la pena.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *